In Sardegna

"Tamponi rapidi: perché la Sardegna non ha partecipato al maxi appalto?"

tampone-rapido

CAGLIARI. "A settembre la regione Veneto, attraverso la sua Azienda Zero, ha bandito una gara per l’acquisto di centinaia di migliaia di pezzi di tamponi rapidi. Perché la Sardegna non ha partecipato?". È la domanda che il gruppo dei Progressisti in Consiglio regionale ha posto per iscritto in un'interrogazione rivolta al presidente della Regione Christian Solinas e all'assessore alla Sanità Mario Nieddu. I consiglieri d'opposizione fanno riferimento a un appalto per l'acquisto dei tamponi capaci di fornire l'esito in 10-15 minuti, a cui hanno partecipato Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Friuli e Piemonte, oltre alla provincia di Trento. "La Regione Sardegna, invece, - denunciano - non ha partecipato al maxi appalto". Perché non presentare domanda? Si chiedono i Progressisti nell'interrogazione. Che interpellano Solinas e Nieddu su "tempistiche e modi stabiliti per fornire anche ai sardi i tamponi rapidi". "Resta in piedi la possibilità, ma soprattutto la speranza, - aggiungono - che la Regione stia provvedendo in modo autonomo, con uno strumento alternativo a quel modello di appalto, più veloce ed efficace. In ogni caso, nessuna comunicazione in questo senso è arrivata al Consiglio regionale".