Comuni

Quartu, trovati 3,5 milioni per tappare le buche e illuminare il Poetto

Quartu-buche

QUARTU. Il Comune di Quartu si trova a disposizione 3,5 milioni di euro da spendere per "migliorare la qualità della vita in città, anche con investimenti sulle infrastrutture che permetteranno di tutelare il territorio quartese dal punto di vista della sicurezza e del decoro urbano". Lo spiega una nota del Comune con la quale si annuncia l'imminente utilizzo dell'avanzo di amministrazione deliberato dal consiglio comunale. Sei i milioni in cassa, più della metà immediatamente disponibile. 

“La delibera sblocca fondi che devono essere spesi entro il 2019. In particolare andremo a investire 2 milioni di euro sulle strade quartesi, sia quelle in bitume, sia quelle periferiche, vicinali, che interessano la frazione di Flumini, ma non solo - spiega il sindaco Stefano Delunas -. È un intervento importante, anche perché in alcune strade asfaltate abitano disabili oggi impossibilitati a lasciare le proprie abitazioni in caso di necessità. L’obiettivo è quindi quello di mettere tutti gli abitanti di Quartu in sicurezza anche quando siamo in presenza di Codice Rosso per rischio idrogeologico. Ci sarà poi una fase B, nel prossimo esercizio finanziario, con interventi su altre vie”.

“Inoltre un’altra cifra importante è stata destinata al potenziamento dell’illuminazione al Poetto - prosegue il primo cittadino -. Si tratta di 500mila euro necessari per riportare sicurezza nel nostro litorale, dove durante l’estate si sono verificati fin troppi episodi di cronaca nera. E sempre in tema di sicurezza, nel caso specifico sul lavoro, abbiamo deciso di destinare 250mila euro per la manutenzione straordinaria degli impianti stabili comunali. E ancora: il potenziamento del servizio informatico comunale, l’ammodernamento del parco auto per i vigili e la Protezione Civile, la costruzione di nuovi loculi al cimitero. Scelte mirate e prioritarie per ridare slancio alle politiche cittadine”.

 

Copyright © 2018 YouTG.NET. Tutti i diritti riservati.