CAGLIARI. Il giovane protagonista del video nel quale bullizza il professore e gli intima di inginocchiarsi? "Al suo rientro a casa avrebbe assaggiato il kit della sussa: turudde, mattarelli, cinte e manici di scopa pro li fachere cumprendere chi s' iscola no est unu jocu, il rispetto prima di tutto. Infatti, rispetto agli altri suoi compagni, l'estate la passerebbe imballando fieno con tziu Jubanne, pastinande in vinza con tziu Gonario e armande e ghettande boveda in cantiere con tziu Peppinu". 

È la soluzione proposta sulla pagina Facebook Bobore, personaggio di fantasia (sposato con Gavinedda) che si rifà satiricamente ai "sani" valori sardi. E quest'opinione ha dilagato sui social network: la ricetta pedagogica e educativa ha spopolato, con miglia di condivisioni.

Pulcini-animal-equality-2

MILANO. Milioni di pulcini che nascono solo per essere incartato e venduti come polli nei supermercati. E passano una "vita" a essere trattati come oggetti: lanciati sopra nastri trasportatori appena usciti dal'uovo come se fossero palline, poi caricati stipati dentro cassette. Vengono fatti ingrassare e poi spennati ancora vivi, dentro macchinari, senza pietà. Animal Equality, organizzazione internazionale per la protezione animale, ha recentemente reso pubblici alcuni filmati che mostrano le condizioni di vita dei polli italiani, a partire dalla terribile fase dell’incubatoio.

"In questi luoghi, milioni di pulcini vengono fatti nascere con una sola destinazione, il macello. Ed è per questo che durante l’intero processo vengono maneggiati come fossero oggetti, lanciati sui nastri trasportatori senza alcuna cura e, in alcuni casi, lasciati morire sul pavimento dell’incubatoio. Ma anche in allevamento", è la denuncia dell'organizzazione, "i giovani polli sono sottoposti a maltrattamenti e violenze. Qui, gli animali malati o feriti vengono semplicemente abbandonati a morire di fame e sete, ma quelli che sopravvivono non destinati a una sorte migliore. Prima del trasporto infatti, vengono sottoposti alla fase di cattura, spesso realizzata attraverso macchine che sono in grado di prendere centinaia di polli in pochissimo tempo. In questa fase, gli operatori maneggiano gli animali con violenza, causando immensi dolori alle zampe e alle ali, mentre in alcuni casi i polli vengono addirittura presi a calci e lanciati nelle macchina per la cattura".

FIRENZE. La Sardegna va in scena a Firenze. Parte domani mattina nel capoluogo toscano il progetto regionale di promozione turistica Discovering Sardinia ideato, promosso e curato dal Coordinamento nazionale Giovani della Fasi (Federazione delle Associazioni sarde in Italia). Un weekend interamente dedicato alla cultura e alla tradizione dell'Isola che costituisce la prima tappa di un percorso articolato in quattro incontri, ognuno ognuno dedicato al territorio delle quattro province storiche sarde. Si parte a Firenze, con un evento dedicato al nuorese, per proseguire con il sassarese il 19 maggio a Torino e finire, dopo l’estate, a Bologna e Milano per prendere in esame oristanese e cagliaritano.

L’evento in programma a Firenze si svolgerà nella prestigiosa Sala della Scherma nella Fortezza da Basso in occasione dell’inaugurazione della 82esima Mostra dell’Artigianato, dove la Regione Sardegna sarà presente con 20 stand di altrettanti artisti sardi. L’incontro sarà aperto e guidato dal coordinatore nazionale dei Giovani Fasi Mattia Lilliu, dalla presidente della Fasi Serafina Mascia e da Elena Mameli del Servizio coesione sociale della Regione Sardegna. Dalle 14 alle 18 un susseguirsi di interventi scientifici, esperti del settore, testimonianze dei protagonisti daranno vita a una “maratona sarda” a trazione giovanile dedicata a sei aree specifiche di analisi territoriale: arte, lingua, movimenti culturali, ambiente, enologia, musica.

Grande novità di questa edizione sarà la trasmissione in diretta dell'incontro: attraverso le pagine Facebook Fasi o Bye Sardegna - il blog del settore giovani del movimento dell’emigrazione organizzata - sarà possibile seguire gli eventi e interagire nello spazio dedicato alla discussione utilizzando l’hashtag #discoveringsardinia. La diretta dell'incontro sarà trasmessa anche dai canali Facebook e Internet di YouTg.net.

A partire dalla mattinata di sabato e in contemporanea le Donne Fasi daranno vita a “Rosso Sardegna", la due giorni dedicata al filo rosso delle donne sarde tra arte, artigianato e impresa. L'evento è stato voluto in coincidenza con la mostra “Maria Lai il filo e l’infinito”, in corso alle Gallerie degli Uffizi - Palazzo Pitti, e con la presenza dello stand della Regione Sardegna alla 82^ Mostra internazionale dell’artigianato di Firenze in programma alla Fortezza da Basso dal 21 aprile al 1 maggio.

CAGLIARI. A Marrubiu, un paese a pochi chilometri da Oristano, nasce qualche anno fa il gelato più buono della Sardegna. A dirlo non è un turista qualunque o un cittadino goloso, ma la casa editrice specializzata più temuta dagli chef di tutta Italia: Gambero Rosso. È il gelato artigianale di Fabrizio Fenu il migliore in assoluto, per due anni di seguito, meritevole di un riconoscimento importante come quello dei "Tre Coni", l'unico in Sardegna. I gusti da lui creati sono originali, così tanto da lasciare perplessi i più "tradizionalisti": pecorino, olio, finocchietto selvatico, bottarga tra gli ingredienti usati dal master gelataio di Marrubiu. Tutti i dettagli nella nuova puntata dell'Isola che Funziona.

CAGLIARI. Poetto, ma non solo: le temperature al di sopra dei 20 gradi hanno portato oggi numerosi cagliaritani a fare il primo bagno della stagione. E l'aria che si respirava oggi a Calamosca sembrava quella di un giorno d'estate.