CAGLIARI. "Tra gli arabi oggi è vincente una parte estremamente primordiale. È come se tra i cristiani avessero prevalso i pastori della Gallura, i meno evoluti". Un insulto alla Sardegna quello di Philippe Daverio, intellettuale critico d'arte intervenuto ieri a Piazza Pulita, la trasmissione di La 7 condotta da Corrado Formigli. 

Peggiorato dal resto delle affermazioni. In studio i parlava di Islam radicale, ma anche di mondo musulmano che ha avuto la capacità di fare grandi invenzioni. C'è la parte dell'infibulazione, ma anche tanti esempi di progresso nel mondo antico, grazie agli arabi,. Questa la tesi di Daverio. Che per spiegare l'arretratezza del mondo musulmano fa il paragone con i pastori sardi. E non si accorge nemmeno della gravità delle sue affermazione.