Droga-San-Giovanni-Suergiu---Spacciatore

SAN GIOVANNI SUERGIU. Lo hanno arrestato dopo una segnalazione arrivata in Questura tramite l’applicazione per smartphone “Youpol”, attiva a Cagliari dallo scorso 8 febbraio. Ivan Locci, 24 anni, di San Giovanni Suergiu è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Carbonia con l’accusa di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Oggetto della segnalazione arrivata ieri era un’abitazione di San Giovanni Suergiu, presunta meta di giovani acquirenti di droga. I poliziotti, fatte le dovute verifiche del caso, sono entrati in casa e, nella perquisizione, hanno trovato un box a forma di cubo, usato di recente come serra per coltivare marijuana, dato che dentro c’erano alcuni vasi con terriccio, alcune foglie e residui di cannabis. All’interno anche un macinino elettrico, e alcuni vasetti in vetro con della marijuana tritata e in foglie, per un peso complessivo di 99 grammi. Nella camera accanto, usata come deposito, è stato trovato anche un bilancino elettronico con residui di marijuana. 

Ma la scoperta principale è stata fatta nel sottotetto, trasformato in una serra con una quarantina di piantine di cannabis: un allestimento completo e perfettamente efficiente, con tanto di fertilizzanti, insetticidi, un umidificatore per creare il microclima e altro materiale utile per la cura delle piante. Locci è stato arrestato e giudicato in questa mattinata, nel processo con rito per direttissima.