BRESCIA. Massimo Cellino ha chiesto il fallimento della Brescia Service, la società controllante del club biancoblù nata nel 1996 all’epoca della gestione Corioni e oggi in liquidazione. 

 

L’istanza sarà discussa la prossima settimana davanti al giudice fallimentare quando, dopo la prima udienza civile già celebrata, in aula si ritroveranno i legali del Brescia Calcio e i colleghi difensori della Brescia Service che hanno preparato una contro-causa con udienza già in programma a giugno. Il derby legale a suon di carte bollate fra vecchio e nuovo Brescia, in atto da quando lo scorso anno Cellino ha rilevato la proprietà del club delle Rondinelle, si trasferisce dunque in tribunale.